Seleziona Pagina

ID di controllo: 2600291
CONTATTO: Stefan Vandeweghe
Dettagli astratti
CATEGORIA ATTUALE: Area Clinica
TIPOLOGIA DI PRESENTAZIONE: Orale
Astratto

TITOLO:

Uno studio retrospettivo a lungo termine su impianti inclinati con una connessione angolare al collo dell'impianto

AUTORI: Vandeweghe, Stefan; Boyes-Varley, Greg; Howes, Dale; Newell, Andy; DeBruyn, Hugo

CORPO ASTRATTO:
Introduzione:
A volte, gli impianti devono essere inclinati per evitare di perforare la piastra corticale vestibolare, il seno mascellare o il nervo mandibolare. Vi sono, tuttavia, alcune preoccupazioni riguardo al carico non assiale dell'impianto e alla procedura di riparazione più complessa. Questo studio ha valutato il risultato a lungo termine di impianti inclinati con una connessione angolare al collo dell'impianto.

Metodo:
Durante un periodo di 12 anni, gli impianti angolati 751 (Co-Axis, Southern Implants, Irene, Sud Africa) sono stati collocati in pazienti 331 (180 female, 151 male). 138 (41.7%) non è stato incluso nello studio per vari motivi: 97 non è stato localizzato, 18 era deceduto e 27 non era interessato a partecipare. Entro i limiti dello studio, gli impianti 7 sono stati segnalati fallimenti (0.9%). I dati sono stati estratti dai file dei pazienti e il livello delle ossa è stato valutato utilizzando una radiografia recente.

risultati:
Sono stati valutati i pazienti 193 (97 femmina, 96 maschio), età media 54 anni (SD 13, intervallo 17-80) con impianti Co-Axis 433. Gli impianti 231 sono stati installati nelle femmine, 202 nei maschi. Gli impianti 397 erano localizzati nella mascella e 53 nella mandibola. Gli impianti 386 presentavano un angolo 12 gradi al collo dell'impianto, 44 impianta un angolo 24 gradi e 3 impianta un 36 gradi. 2 si è verificato un ritardo tardivo a causa della perimplantite.

Gli impianti 141 (32.6%) sono stati posizionati immediatamente dopo l'estrazione del dente e gli impianti 192 (44.3%) sono stati caricati immediatamente entro le ore 48. 19.9% degli impulsi sono stati posizionati immediatamente dopo l'estrazione del dente e caricati immediatamente con un provvisorio.

Negli impianti 87 è stato eseguito un innesto osseo. Nel 31% di questi casi è stato utilizzato osso raschiato, in 58.6% una matrice ossea bovina inorganica (Bio-Oss) e in 9.2% osso autologo dall'anca è stato raccolto. In un solo caso, è stato utilizzato un altro tipo di materiale. Nella maggior parte dei casi (94.3%), è stato eseguito un innesto onlay mentre nella 5.7% dei casi, è stato utilizzato l'innesto osseo per sollevare la membrana del seno.

La perdita ossea complessiva media è stata di 1.03 mm (DS 0.49, intervallo 0.10 - 4.50) dopo un follow-up medio di 83 mesi (DS 21, intervallo 3-143). Il tempo di posizionamento, il tempo di carico, la posizione, l'indicazione e le dimensioni dell'impianto non hanno avuto effetti significativi sul livello osseo. Sulla base dei fattori di successo definiti da Albrektsson & Zarb, la percentuale di successo dell'impianto è stata del 99.1%.

Conclusione:
Gli impianti inclinati dimostrano un risultato prevedibile in varie indicazioni. Non è stato possibile rilevare effetti negativi dal carico non assiale.

Uno studio retrospettivo a lungo termine su impianti inclinati con una connessione angolare al collo dell'impianto
Immagine dell'impianto Co-Axis

#SouthernImplantsAbstracts #SouthernImplantsCitings #DentalImplant #SouthernImplants